Creazione SPID

Probabilmente abbiamo già sentito parlare di SPID, ma a non tutti è chiaro di cosa si tratta. In poche parole è la nostra chiave digitale per accedere alla maggior parte dei servizi digitali della Pubblica Amministrazione, attraverso un livello di sicurezza molto alto dato dall’autenticazione in due fattori.

PARTE 1 – Richiesta SPID

OBIETTIVO DELLA GIUDA

In questa guida spiegheremo come creare il nostro SPID per poter accedere al fascicolo medico, scaricare i referti, compilare il 730 o compilare l’ISEE senza dover richiedere aiuto al commercialista oppure al CAF.
Non si tratta però solo di un’unica identità digitale per la fruizione di più servizi, ma soprattutto un metodo molto sicuro, in non si ferma al semplice sistema Nome Utente+Password, ma si articola in:

  • Creazione nome utente + password
  • Associazione dei propri documenti e del proprio numero di telefono personale all’utenza
  • Verifica dell’identità da parte del gestore dello SPID
  • Accesso ai servizi attraverso la verifica in due passaggi attraverso un’app installata su uno smartphone autenticato

Ho scritto “gestore dello SPID” perché è un servizio che possiamo scegliere se richiedere ad esempio a Poste, TIM, Auba o altri.

Lo SPID è gratuito, ma alcuni gestori, come ad esempio TIM ed Aruba integrano alcuni servizi a pagamento.
In questo articolo vedremo come creare il proprio SPID tramite servizio delle Poste, in quanto dovendo autenticarci di persona, quello di recarsi in un ufficio postale è una pratica comune per la maggior parte degli italiani.

La creazione dello SPID tramite le Poste più avvenire in più modi, ma qui verrà analizzato quello attraverso il riconoscimento di persona, in quanto gli altri necessitano di strumenti come ad esempio un cellulare certificato o un documento elettronico che non tutti posseggono.

DI COSA ABBIAMO BISOGNO?

  • Documento di identità valida
  • Tessera sanitaria
  • Indirizzo Email
  • Numero di telefono del cellulare personale

REGISTRAZIONE SUL SITO POSTEID

Andiamo sul sito POSTEID https://posteid.poste.it/ e clicchiamo sul pulsante REGISTRATI SUBITO

Scegliamo l’opzione di identificazione, in questo caso la prima, Riconoscimento di persona, quindi clicchiamo sul pulsante PROSEGUI

Inseriamo i nostri dati personali

Quindi clicchiamo sul pulsante PROSEGUI in fondo alla pagina

A questo punto inseriamo il nostro indirizzo mail che andremo ad associare allo SPID e scegliamo una password.
Iniziamo inserendo il nostro indirizzo mail e confermiamolo

Il sistema ci invierà una mail all’indirizzo specificato, con un codice (OTP) che dovremo inserire nel nuovo campo che apparirà, quindi se non l’abbiamo fatto, eseguiamo l’accesso alla nostra casella di posta e verifichiamo se ci sia arrivata la mail (in genere arriva pochi attimi dopo aver cliccato sul tasto PROSEGUI); se dopo 5 minuti non dovessimo trovare la mail delle Poste nella casella della posta in arrivo, controlliamo nella casella dello Spam

Questa è la mail che riceveremo

Inseriamo il codice OTP e clicchiamo su PROSEGUI; infine inseriamo una password seguendo le indicazioni di complessità, quindi se avremo inserito e confermato una password che rispetta tutti i requisiti vedremo la spunta verde e potremo cliccare su PROSEGUI

ASSOCIARE DOCUMENTI E NUMERO DI TELEFONO

La fase successiva consiste nell’inserimento del proprio numero di telefono e dei documenti.
Iniziamo inserendo il numero di telefono nel campo dedicato e clicchiamo su Conferma

Come avvenuto in precedenza, anche ora ci verrà inviato un codice OTP, ma questa volta tramite SMS al numero appena inserito, quindi controlliamo gli SMS ricevuti ed inseriamo il codice appena ricevuto, infine clicchiamo sul tasto CONFERMA

Ora dovremo inserire i dati del documento di identità; il sistema ci avviserà che nel caso utilizzassimo la Carta di Identità Elettronica, l’Ente di rilascio da selezionare non sarà il Comune, ma il Ministero dell’Interno

Ora è il turno dell’inserimento del nostro indirizzo di domicilio.
NB: nel caso volessimo indicare un indirizzo di recapito diverso basterà cliccare sulla scritta in blu e completare anche il form per l’indirizzo di recapito

CARICARE I DOCUMENTI DIGITALIZZATI

Scorrendo la pagina ci verrà richiesto di caricare i nostri documenti, Carta di identità e Tessera Sanitaria, in formato digitale (.jpg .png .pdf)

I documenti andranno digitalizzati in questo modo:
File 1: Fronte della carda di identità + Fronte della tessera sanitaria
File 2: Retro della carda di identità + Retro della tessera sanitaria
Come suggerito dal sistema

Le due scansioni possiamo farle con uno scanner o con la fotocamera del nostro smartphone, basterà posizionare i documenti nella posizione indicata come nell’esempio e scattare la foto cercando di rendere le scritte dei documenti leggibili e non esagerare con la grandezza della foto, in quanto il singolo file non deve superare i 2,5MB, quindi se inserendo la foto dovessimo ricevere un avviso di grandezza della foto troppo grande, basterà scattare nuovamente le foto ad una risoluzione inferiore.

Nel caso avessimo difficoltà, basterà comunque selezionare la casella “Scansiona i documenti in ufficio postale” per rimandare questa parte al momento in cui dovremo recarci di persona in Posta per il riconoscimento.

Quando avremo i file, dovremo cliccare sulla freccia >  per selezionare il file, quindi cliccare su “Carica” per cominciare l’upload della copia dei propri documenti

Completato il caricamento dei file, scorriamo la pagina fino in fondo e clicchiamo su PROSEGUI
NB: potremo anche scaricare l’informativa sulla Privacy nel caso avessimo dei dubbi su come verranno trattati i nostri dati

PRIVACY E TRATTAMENTO DATI

Nella successiva pagina ci verrà richiesto di accettare le condizioni del servizio, che andrebbero lette assieme all’informativa sulla privacy. Sarà comunque necessario, per proseguire, accettare le prime due condizioni spuntando le relative caselle

Le successive voci sono dedicate al trattamento dei dati personali in relazione alle attività di marketing, che ovviamente potremo non accettare; espressi tutti i consensi, inseriamo la password scelta in precedenza e clicchiamo sul tasto CONFERMA

Abbiamo appena completato la prima parte; riceveremo una mail che ci confermerà la corretta registrazione, quindi dovremo recarci entro 30 giorni in un ufficio postale per confermare i dati ed abilitare lo SPID

Questa la mail di conferma che riceveremo

PARTE 2 – Creazione SPID

Una volta effettuato il riconoscimento in un ufficio postale, riceveremo la conferma tramite mail

Come suggerito dalla mail, ora dovremo scaricare l’app dallo store del nostro telefono

APP E CONFIGURAZIONE

Scarichiamo l’app PosteID, che ci servirà per autorizzare i nostri futuri accessi ai siti della Pubblica Amministrazione; possiamo cercare l’app sullo store oppure accedere da questi link:
Al primo accesso, l’app ci chiederà di inserire le nostre credenziali PosteID, le stesse che abbiamo creato in precedenza. Una volta inserite, ci verrà inviato un SMS sul numero di telefono associato allo SPID con il codice da inserire nell’app per confermare la nostra identità

Inseriamo il codice e premiamo il tasto Prosegui. Ora ci verrà chiesto di creare un codice di 6 cifre che sarà la nostra chiave di accesso all’app.
N.B.: il codice può essere numerico oppure alfabetico

Inseriamo il codice ed appuntiamolo in quanto ci verrà richiesto per ogni accesso all’app.
Creato e confermato il codice, premiamo il tasto Prosegui; riceveremo messaggio di conferma

A questo punto abbiamo terminato la configurazione; da ora in poi accedendo all’app ci verrà chiesto il codice creato in precedenza

Inseriamo il codice per entrare nell’app oppure quando dovremo autorizzare l’accesso ai vari siti della Pubblica Amministrazione.
A questo punto la configurazione dell’app è completata; riceveremo una mail nella quale ci verrà confermata l’avvenuta attivazione del servizio e nella quale ci saranno scritti i codici di sospensione del servizio che ci potrebbero servire per sospendere il servizio; appuntiamoli in un luogo sicuro, assieme al codice di accesso ed alle credenziali di accesso al servizio.

Da questo momento saremo in grado di accedere a vari siti della Pubblica Amministrazioni come ad esempio il sito dell’INPS, il Portale dell’Automobilista, potremo richiedere l’accesso a vari benefit messi a disposizione dal Governo, come ad esempio il Bonus Vacanze 2020.

You may also like